Un matrimonio mozzafiato.

vestiti da cerimonia milano

Oggi condividiamo un matrimonio mozzafiato in Italia, catturato da Peter e Veronika, che combina la cultura italiana ed ebraica e lo stile elegante con un po ‘di divertimento. La loro sede, Villa Arconati, è la definizione di una favola. Gli ospiti hanno cenato all’aperto sotto un baldacchino di luci a fili su tavoli rotondi decorati con abiti da vestiti da cerimonia Milano di Valerio Grassi. La sposa sembrava impeccabile nel suo abito di perline Atelier Pronovias. È sicuro dire che White Emotion ha pensato proprio a tutto quando ha pianificato questo sogno di un giorno di nozze!

Dalla sposa …

Quando abbiamo iniziato a pianificare il nostro matrimonio, abbiamo deciso di creare qualcosa di divertente e inclusivo per tutti: la mia famiglia americana, la sua famiglia e gli amici italiani (del nord e del sud), nonché i nostri numerosi amici internazionali di Milano e di tutto il mondo. Abbiamo considerato questo momento importante un’opportunità non solo per celebrare il nostro amore, ma anche per introdurre le persone più importanti della nostra vita alle nostre culture.

Vivendo a Milano da cinque anni (e Alex dalla nascita!), Volevamo condividere un’autentica, ma magica, esperienza milanese. Lo stile che speravamo di riflettere era elegante e raffinato con un po ‘di divertimento. Il nostro locale aveva tutto questo e molto altro ancora. Villa Arconati è una fondazione e un museo ancora in restauro. Parte del suo fascino è che non è perfetto, brillante e nuovo, ma piuttosto ti riporta a un’epoca diversa ed è pieno di storia. I suoi giardini sono immensi e ci sono innumerevoli spazi interni ed esterni. Durante la nostra prima visita al sito, mi sono ritrovato a scattare foto ininterrottamente di tutti i dettagli e degli interni dipinti. Queste foto (scattate con il mio telefono!) Le ho poi integrate nei materiali stampati che ho progettato, con la consulenza e l’aiuto di Alex, insieme alle traduzioni in stile dizionario dei titoli per ogni pezzo.

Il museo ha fornito visite guidate in inglese e italiano in modo che i nostri ospiti potessero scoprire la storia dietro questa incantevole tenuta. Il nostro caro amico Davide è stato il nostro officiante, insieme all’aiuto del meraviglioso Cantore Evan Kent. La partecipazione del nostro amico al matrimonio è iniziata come uno scherzo sulle birre. Subito dopo che io e Alex ci siamo fidanzati, una sera ho detto a Davide che parlava inglese meglio di qualsiasi altro italiano che conosco, e lui ha risposto suggerendo che avrebbe dovuto sposarci perché poteva parlare con tutti i nostri ospiti. All’epoca ci siamo messi a ridere, ma in seguito abbiamo deciso che era un modo meraviglioso per organizzare una cerimonia multilingue.

Abbiamo usato i dettagli della giornata per integrare le nostre culture, oltre a ricordarci i nostri cari. La chuppah era l’altezza di mio nonno. Leggiamo i nostri voti nella lingua madre dell’altro. Durante la cena, i testimoni dello sposo di Alex hanno preso parte all’antica usanza italiana di tagliarsi la cravatta come souvenir. Abbiamo poi ballato la Hora, o, come la chiamavano i nostri amici italiani “il Ballo con le Sedie” (la danza sulla sedia). Ho preso in prestito i miei orecchini da Pérola, la linea di gioielli di un caro amico impossibilitato a viaggiare in Italia. Ho ottenuto le scarpe dei miei sogni tramite un amico che lavorava nel team di designer di scarpe di Prada. Una settimana prima del matrimonio non avevo ancora capito i miei accessori per capelli e una damigella d’onore è venuta in soccorso: il bellissimo pettine per capelli è stato realizzato su misura da Vera Wang per il suo matrimonio lo stesso giorno 6 anni prima. In realtà non l’ha mai indossato, ma si abbinava perfettamente al mio look! Dopo aver visitato un numero imbarazzante di saloni da sposa in cui ho detto che non volevo tonnellate di pizzi, nuvole di tulle o perline, sono finalmente andato al flagship store milanese di Pronovias e ho finito con esattamente quello. La commessa ha insistito che avesse “il mio vestito” e che non fosse nessuno degli abiti che le avevo mostrato all’inizio dell’appuntamento. Non avrei mai pensato che avrei “saputo” quando avevo “il vestito”, ma lei lo sapeva! Mi sono innamorato di uno stile insolito di Atelier Pronovias che sembrava avere un po ‘di tutto ciò che non avevo nella mia lista: una silhouette in pizzo a sirena e una gonna in tulle con perline e lunghe “ali” di tulle che hanno fornito il dramma sufficiente per la nostra cerimonia all’aperto.

Un matrimonio mozzafiato.

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Scroll to top